Collaborazione con Luigi Capizzi - Francesca Kiara
16736
post-template-default,single,single-post,postid-16736,single-format-standard,bridge-core-2.5.8,qodef-back-to-top--enabled,,qode-essential-addons-1.6,ajax_fade,page_not_loaded,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-21.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.2,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-15421
 

Collaborazione con Luigi Capizzi

Collaborazione con Luigi Capizzi

Un mese fa ho iniziato a prendere delle lezioni d’arte nello studio del pittore Luigi Capizzi, è un artista a tutto tondo con ben 50 anni di esperienza personale alle spalle. Ha iniziato con le copie d’autore, i suoi Van Gogh sono divini, per poi sfociare nella scultura, nella pittura e nella fotografia . Si definisce soprattutto un pittore spaziale, fotografo di Arte africana affascinato da Maschere Dan della Costa d’Avorio, Tsogho del Gabon e Dogon del Mali. Studiando e dialogando ci è venuto in mente di provare a fare delle fotografie che unissero le nostre due tematiche . Io mettendo la mia idea anti pills con i blister, per la fotografia e’ stata utilizzata l’opera Pillolandia, e lui la maschera Dan che indosso e ovviamente tutta la composizione dell’immagine. Le maschere Dan rappresentano un aiuto spirituale e divino contro le malattie e il male in genere.

Vi allego la prima versione della fotografia con la maschera e la seconda che mi rappresenta come la Teodora, l’imperatrice bizantina . I blister qui si trasformano in mosaici.

Maschera Tsogho del Gabon
Teodora