Social Networks

Francesca Kiara - Home
14869
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-14869,page-parent,bridge-core-2.5.8,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-24.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.2,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-15421

Francesca Chiara (in arte Kiara) nasce in una famiglia di artisti

che la invogliano inevitabilmente a sviluppare il suo talento. Fin da piccola infatti è molto predisposta al disegno e da sempre ama i colori forti, accesi e vivaci, proprio come lei.

Francesca ha voglia di “colorare il mondo”, comincia ad usare l’acrilico, i cui colori sono brillanti come quelli delle vernici e degli spray.

Il suo esordio artistico ha inizio con una serie di opere chiamate “Grovigli”, ispirate da Jackson Pollock ma arricchite da volti, fiori e tutto ciò che la circonda e la ispira.

Dal 2012 partecipa ad alcune mostre collettive in tutto il Nord Italia.

Oltre a dipingere tele, Francesca ha la passione per il graffitismo, murales e comics portrait,

il tutto caratterizzato da espressionismo astratto.

Nel 2016 inizia una fruttuosa collaborazione con lo scultore bresciano Siku,

con il quale progetta e dà vita ad una nuova serie di opere intitolate “Vele”.

Si tratta di dipinti su tela posizionata a sua volta su un piano di ferro ricurvo, in grado di dare una sorta di tridimensionalità al disegno, donando un effetto impressionante di uscita dal muro.

al 2019 KIARA ha preso di mira l’uso sconsiderato degli psicofarmaci nella società contemporanea: usa blister, bugiardini, pillole e astucci di medicinali per comporre opere suggestive e inquietanti: tele, installazioni e sorprendenti travestimenti per le sue performance.

Nel 2021 ha debuttato con la sua prima mostra personale “NO PILLS” a Bologna ad Italian Art Touch.